Punti di svolta

PUNTI DI SVOLTA!

 

Nell’era della precarizzazione di  massa e della totale mercificazione delle vite, lottare e ribellarsi è una  necessità, come il 14 dicembre in piazza del Popolo, senza distinzioni tra lavoratori, studenti, precari ed immigrati. In tutto il mondo il conflitto dovuto alla crisi economica  è esploso  con rivolte  di massa, scioperi e disordini fortunatamente non controllabili né etichettabili con marchi di ”fazioni  preesistenti” partiti o movimenti religiosi. Si tratta quindi del popolo che alza la testa per  vincere e riprendersi ciò che  la classe politica,  cinghia di trasmissione del potere economico mondiale vuole negarci

 

Quello che ci serve è una prospettiva dove siano centrali i “punti di svolta”, per costruirli occorre tracciare innanzitutto una linea netta, una rottura effettiva con tutti quei soggetti politico-sindacali, che nel corso degli anni hanno contribuito alla definizione ed al mantenimento della situazione attuale, non è certo da loro che potranno venire le soluzioni.

In questa progressiva chiarificazione dei possibili “amici” e dei sicuri “nemici” va sviluppata una progettualità di medio termine, che oltre a definire nell’immediato, scadenze e obbiettivi concreti e perseguibili, sappia far crescere l’esigenza e la possibilità di forme di lotta sempre più decise e efficaci, dentro questo percorso si può ricostruire l’unità di quanti hanno capito e capiranno che il capitalismo non è “riformabile”.

Solo la presa di coscienza dell’appartenenza a qualcosa di più vasto della propria illusoria collocazione in qualche categoria sociale: studente, operaio, immigrato, può dare la misura reale della nostra possibile forza.

Sviluppare autonomamente il conflitto nei segmenti sociali dove siamo inseriti, continuare a promuovere la mobilitazione contro il progressivo deterioramento delle condizioni materiali delle nostre vite, ampliare e generalizzare le lotte.

 

STUDENTI-LAVORATORI-DISOCCUPATI-IMMIGRATI

LA NOSTRA UNITA’ E’ LA NOSTRA FORZA!

 

 

 

 

Rete contro la precarietà                                                                                      Autonomia Spezzina

 


 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: