Cronaca sciopero lavoratori del porto 23 Maggio 2011

Pubblichiamo la cronaca della giornata scritta come giusto che sia dai lavoratori del porto. SEMPRE AL VOSTRO FIANCO!

CRONACA  DELLO SCIOPERO CUB PORTO SPEZIA

Ieri mattina lunedì 23 maggio, davanti al porto di La Spezia si è manifestato

contro l’ ennesimo incidente avvenuto nello scalo dei record. Un esternazione

di sgomento la nostra, contro l’ indifferenza di cgil cisl e uil.

Nonostante l’ iniziativa sia stata della tranquillità più assoluta , sono stati

distribuiti volantini di sensibilizzazione, poi ci si è spostati davanti all’ Autorità

Portuale per esprimere nuovamente la nostra legittima richiesta di fermare quello

che da anni è un bollettino di guerra fatto di cadaveri e mutilati sulle banchine.

Cio nonostante l’ accoglienza ricevuta è quella che di solito si indirizza verso

delinquenti, e non a lavoratori che chiedono solo di tornare a casa la sera vivi,

e completi di tutte le parti anatomiche che mamma ci ha fatto.

Siamo stati ricevuti da uno schieramento di gente in costume che manco ad un ballo

in maschera. Purtroppo per alcuni è sempre carnevale, mentre per noi lavoratori troppo

spesso è lutto. Lo schifo più totale lo troviamo oggi mercoledì 14 sui quotidiani locali.

Nessuna traccia della manifestazione/sciopero cub e dei lavoratori, come se non esistessimo.

Sul giornale solo le solite patetiche chiacchiere di sempre, di ieri di oggi e di domani,

buoni propositi nati dall’ ennesimo tavolo di trattative tra sindacati padronali ed autorità

portuale, utile cio’ quanto una televisore 43 pollici al plasma per un cieco.

Ci domandiamo come mai i giornali non riportano nulla sulla nostra iniziativa, quasi non

fossimo reali. Eppure ieri siamo stati costantemente fotografati e ripresi da personaggi

che lavorano giusto una volta forse 2 l’ anno, fanno i servizi fotografici perché cazzo

non è giusto manifestare per un collega morto o ferito se il padrone non vuole.

Invitiamo questi maniaci dei book fotografici a venire in porto con le loro macchine da

presa, per “immortalare” come li dentro si lavora per quindi forse capire come mai li dentro

si muore. Tutta la nostra ammirazione va  a studenti e precari che per solidarietà e per

un attaccamento alla vita che trascende il timore di esporsi hanno dato come sempre

solidarietà ed appoggio a noi lavoratori, grazie, massimo rispetto. Mentre il nostro

massimo disprezzo va a tali lavoratori che se ne infischiano della vita altrui, vittime

dell’ illusione che l’ incidente capita sempre ad altri… Colleghi del ferito di turno che

hanno contestato pure la nostra iniziativa…Colleghi a loro volta vittime di incidenti

lavorativi parto delle logiche di produttività esasperata che pur avendo passato sulla

loro pelle meglio sulle loro gambe, l’ esperienza di essere a loro volta travolti da un

mezzo sul lavoro, ieri si giravano dall’ altra parte. Crediamo che per chi gioca con

le nostre vite per far soldi e proselitismo l’ infinità dell’ intero universo non sia abbastanza

grande per contenere la loro vergogna. Parlano di assunzioni di massa, poi licenziano

i tempi determinati dopo 3 anni di schiavitù come fossero lamette da barba usa e getta.

Parlano di sicurezza e prevenzione e la gente muore o cade a pezzi, li dentro abbiamo

tutti la schiena distrutta dai carichi di lavoro, ma guai a dirlo si rischia di non essere

piu’ idonei allo sfruttamento. L’ importante è movimentare sempre più mattoncini lego

colorati, vendere illusioni, fare milioni di utili di introito annuo. Poi se un operaio ogni tanto muore nella loro logica perversa magari pensano che di fatto hanno solo creato

un nuovo posto di lavoro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: