Le Farc annunciano la loro partecipazione al dialogo di pace

altAttraverso un video, il portavoce delle FARC-EP Rodrigo Londoño Echeverry, conosciuto anche come “Timochenko” o “Timoleon Jimenez”, ha confermato ieri i dialoghi esplorativi intrapresi con il Governo colombiano del presidente Juan Manuel Santos al fine di raggiungere un accordo di pace, dopo quasi 50 anni di conflitto armato. Nel suddetto video, Timochenko fa sapere che la partecipazione delle FARC ai dialoghi sarà “senza rancori né arroganza”. “Abbiamo giurato di vincere e vinceremo”, aggiunge il portavoce. Il messaggio video è la prima dichiarazione del gruppo guerrigliero, dopo l’annuncio del 27 agosto attraverso cui il presidente Santos ha reso noto l’inizio delle “conversazioni esplorative” con le FARC per “cercare la fine del conflitto”. Secondo alcune infiltrazioni da parte dei media mainstream, il dialogo inizierà ufficialmente il 5 ottobre in Norvegia, anche se la maggior parte delle conversazioni verranno portate avanti a Cuba. Mentre il governo colombiano e quello cubano faranno da garanti del processo, Cile e Venezuela avranno un ruolo di accompagnamento.

Il tentativo di dialogo tra il governo colombiano e le FARC non è certamente nuovo, il fracasso più recente fu quello con il Governo del presidente conservatore Andres Pastrana (1998-2002) intrapreso nella zona del Caguan, un territorio di 42mila chilometri quadrati che fu completamente smilitarizzato per permettere le conversazioni.

Nonostante sembrino esserci delle basi per i colloqui con il governo, il presidente Santos ha fatto sapere pubblicamente che le operazioni e le disposizioni militari proseguiranno, sottolineando allo stesso tempo che una delle premesse per il processo in atto è “apprendere dagli errori del passato per non ripeterli”. Il riferimento a tali errori viene ulteriormente esplicitato: secondo il presidente Santos, nel precedente processo la creazione di una “zona di distensione”, come quella nel Caguan, fu un errore poiché “non venne debitamente regolamentato e servì alle FARC come terreno per rafforzarsi”. Al di là delle dichiarazioni pubbliche di questi giorni, sappiamo benissimo che l’esito di queste conversazioni dipenderà soprattutto dal Governo colombiano; il primo passo le forze armate rivoluzionarie lo hanno fatto, non resta che vederne gli sviluppi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: